Ian Berry

Ian Berry è nato nel Lancashire, in Inghilterra. Si è fatto conoscere in Sudafrica, dove ha lavorato per i Daily Mail e poi per la rivista Drum. È stato l’unico fotografo a documentare il massacro di Sharpeville nel 1960 e le sue fotografie sono state utilizzate nel processo per dimostrare l’innocenza delle vittime.
Henri Cartier-Bresson invitò Ian Berry a unirsi a Magnum nel 1962, quando questa aveva sede a Parigi. Nel 1964 si è trasferito a Londra per diventare il primo fotografo a contratto dell’Observer Magazine. Da allora gli incarichi lo hanno portato in tutto il mondo: ha documentato l’invasione della Cecoslovacchia da parte della Russia, i conflitti in Israele, Irlanda, Vietnam e Congo, la carestia in Etiopia e l’apartheid in Sudafrica. L’importante lavoro prodotto in Sudafrica è rappresentato in due dei suoi libri: Neri e Bianchi: L’Afrique du Sud (con prefazione dell’allora presidente francese Fran&ois Mitterrand) e Living Apart (1996). Nell’ultimo anno, i progetti hanno riguardato la schiavitù infantile in Ghana e l’industria della pesca spagnola.
Tra gli incarichi editoriali più importanti figurano quelli per National Geographic, Fortune, Stern, Geo, le riviste domenicali nazionali, Esquire, Paris-Match e LIFE. Ian Berry ha anche raccontato le trasformazioni politiche e sociali in Cina e nell’ex URSS.

OPERE

Scopri tutte le sue opere
See all

Cable Street, London

Lorem ipsum dolor sit amet

Cable Street, London

Lorem ipsum dolor sit amet

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutte le notizie e gli aggiornamenti via e-mail. Il servizio è completamente gratuito e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.